1

Alla ricerca delle emozioni: resoconto di un intervento adleriano

Articolo disponibile in allegato: DOWNLOAD PDF

089_ghidoni_alii

Summary – FINDING EMOTIONS: REPORT OF AN ADLERIAN INTERVENTION. The following article presents an intervention about SARS-CoV-2-related emotions management, dedicated to the infant participants of a summer camp in Brescia’s province in summer 2020. The italian lockdown’s consequences elicited emotive reactions that are still under study. The intervention’s promoters assumpted that not every pandemic related emotions had been knowingly elaborated. Moreover, it had been supposed the absence of aggregative events corroded the affiliate interactions of the youngsters, amplifying the need for them. A project constituted of cooperative games activities had been proposed, since the organizers had identified in social playing an adequate compensation. The participants thought and shared their personal reflections about the emotions they had felt during the social isolation, and about their behavioural implications. The fiction sustaining the activity facilitated the whole process. After pointing out the limits and strengths of their emotions, the recipients were encouraged to express their emotive states through new attitudes, more inclusive of social feeling.




Sogno, gioco, racconto nella costruzione dell’identità personale e in psicoterapia. Nuovi suggerimenti individualpsicologici

087_f_maiullari_e_altri

Articolo disponibile in allegato: DOWNLOAD PDF

ABSTRACT

Questo lavoro è costruito su due principi fondamentali: che l’autentica ricchezza dell’essere umano è la sua capacità di sognare e che i sogni del paziente arricchiscono il nostro modo di praticare la psicoterapia. Tuttavia, riteniamo che l’interpretazione dei sogni dipende ancora in maniera eccessiva dalle teorie psicologiche suggerite da varie “Scuole” e consideriamo che, da un punto di vista scientifico, questa dipendenza crea confusione, oltre al rischio di svalutare molto il significato della psicoterapia. Per evitare questo impasse, nell’articolo consideriamo l’intreccio
tra sogno, gioco e narrazione, e chiediamo la possibilità di costruire una visione del mondo onirico, condiviso
nella sua base teorica da vari modelli. A tal fine, sollecitiamo che le neuroscienze diventino il “Galileo
telescopio ”per una nuova rivoluzione copernicana. Insieme ad altri campi di ricerca, come l’evoluzionismo,
l’epigenetica e la teoria del gioco, le neuroscienze potrebbero essere il motore di una concezione del sogno capace di
armonizzare scienza e immaginazione, scoperte verificabili e apertura creativa.




Il videogioco come strumento creativo e terapeutico in Psicologia Individuale; l’approccio della Video Game Therapy

086_bocci_sala

Articolo disponibile in allegato: DOWNLOAD PDF

ABSTRACT

Proprio come l’attività di “gioco” consente ai bambini di esprimere inconsciamente aspetti del proprio mondo interno ed esterno, anche i videogiochi garantiscono questo risultato, in quanto sono un “gioco” in ogni modo, ma sono accessibili a utenti di età superiore a quella infantile. Inoltre, i videogiochi sono diventati un oggetto sempre più esplicito di comunicazione tra i giovani, le cui immagini sembrano assimilare sempre più elementi tipici del mondo dei videogiochi.
La terapia attraverso i videogiochi consente agli utenti di iniziare un lavoro psicologico su se stessi, sviluppandosi immediatamente buona conformità con il terapeuta. In effetti, i bambini sono generalmente felici di poter parlare del mondo di videogiochi con coloro che si prendono cura di loro. Inoltre, si sentiranno motivati ​​a mantenere l’attività
e nel muoversi verso gli obiettivi terapeutici concordati, grazie alle proprietà intrinsecamente stimolanti del
videogioco. L’impostazione mette gli utenti a proprio agio, ricreando un ambiente sicuro, o quello della propria camera da letto o della propria play station, accomodante e protettivo anche per chi teme il confronto sociale.




Gruppo “Infanzia e adolescenza”

GRUPPI DI DISCUSSIONE presentati al XXVII Congresso Nazionale: “Contagi relazionali: emozioni, comportamenti, culture in Psicologia Individuale” – 13-15 Aprile 2018 – Centro Pastorale Paolo VI, Brescia

Relazione sulla conduzione dei gruppi disponibile per esteso, scaricabile e consultabile all’interno degli Atti del Congresso, interamente disponibili nella sezione di questo sito: Altri contributi / Abstract Congressi Nazionali SIPI – XXVII Congresso SIPI_Brescia 13-15 Aprile 2018_pag_01_80.pdf 




Adlerian Play Therapy: una prospettiva individualpsicologica per l’utilizzo del gioco nel setting psicoterapeutico infantile

Poster presentato al XXIV Congresso Nazionale S.I.P.I.- “I setting in Psicologia Individuale”, Torino, 2013

Articolo disponibile in allegato: DOWNLOAD PDF

CD_075_Torino_Cavalli-Caramazza




Il Setting in psicoterapia dell’età evolutiva (materiale-gioco: supporto concreto per pensare)

Poster presentato al XXIV Congresso Nazionale S.I.P.I.- “I setting in Psicologia Individuale”, Torino, 2013

Articolo per esteso non disponibile. Consulta l’abstract book del CONGRESSO, sezione ALTRI CONTRIBUTI / ABSTRACT BOOK CONGRESSI NAZIONALI S.I.P.I.




Il gioco nell’anziano

NOTA DELLA REDAZIONE: I numeri della Rivista di Psicologia Individuale dal 1 al 31 sono attualmente salvati in un formato digitale che non permette di renderli disponibili su questo sito; sono comunque stati caricati i titoli degli articoli e gli autori, ed abbinate le parole chiave.
Nel caso in cui siate interessati a leggere l’articolo per esteso, scrivete una mail all’indirizzo rivistasipi@libero.it, indicando l’articolo richiesto; vi verrà inviato in formato elettronico o cartaceo.




Il gioco e la verità assoluta

Articolo in PDF disponibile a breve per il DOWNLOAD